Porquerolles e le Isole d'Oro | Diario di viaggio | Seguici

Questo sito utilizza cookie per rendere migliore l'esperienza di navigazione. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo.

Porquerolles e le Isole d'Oro

image

 

(di Francesca Piro)

Gli occhi non servono se è per ripetere gesti sempre uguali. Servono per vedere. Albert non sa di essere cieco.. Tre volte il pensiero va; tre volte raggiunge il porticciolo con le palme, nel Sud della Francia: Port-Cros, ma lui non lo sa ancora. Fino a che, un giorno, parte. [Simone Perotti - Port Cros, Atlante delle isole del Mediterraneo, Bompiani 2017]

Le isole d'Oro, l'arcipelago delle Hyères, nel sud della Francia. La leggenda narra che siano nate per volere degli dei che trasformarono quattro spericolate principesse, nuotatrici provette, in isole e in una penisola, per salvarle dai pirati sopraggiunti in nave per rapirle. Le isole di Levant, Port-Cros e Porquerolles e poi la più piccola, con le braccia tese verso terra, che divenne la penisola di Gies.

L'altra sera eravamo ormeggiati nella Baie d'Alycastre, a Porquerolles. Un'isola protettissima, acquistata per oltre il 70% dal governo di Francia che ne ha fatto una fortezza ambientale. Un'isola dove è praticamente impossibile fare qualsiasi cosa che si avvicini al turismo di massa. Un'isola dedicata al vino, per la presenza di oltre 114 vigneti. Un'isola dove la bicicletta è un must. L'isola d'adozione di George Simenon, che dal 1924 ne divenne ospite fisso, ma anche di tanti altri scrottori e poeti.

53c5d584-101f-4013-8125-cd135a1c4de3

Siamo salpati presto. Il Mistral ancora per poco alle nostre spalle ci ha concesso appena il tempo di arrivare a Cassis. Siamo entrati nel piccolo porto mentre già cadevano le prime gocce d'acqua e il vento aveva iniziato a turbinare. Pochi momenti prima, sfilando davanti all'Esterel, il massiccio montuoso che fa da barriera tra il Mediterraneo e il resto della Francia, isolando la Provenza in uno splendido arco climatico, la mente è corsa ai grandi pittori francesi dell'800, da Pierre Bonnard a Claude Monet a Felix Vallotton, che dipinsero questi luoghi cercando di riportare su tela i magnifici rosa, blu e oro che caratterizzano nei colori una splendida parte di Francia. 

 Ora siamo qui. In attesa che la perturbazione passi. La cittadella di Cassis ci attende. Domani c'incontreremo.

  CON IL PATROCINIO ONORARIO DI:
Ministero degli Affari Esteri
ItaliaCultureMediterraneo1
Marina Militare
Guardia Costiera
Lega NavaleIstanbul
Città di San Benedetto del Tronto
  MEDIA PARTNERS:
Ansa Med
Ansa Med
 
“Saily"
 

Area riservata agli autori

Top of Page
Joomla extensions by ZooTemplate.com