Questo sito utilizza cookie per rendere migliore l'esperienza di navigazione. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo.

Incontri di Tbilisi

 Tbilisi ita

Mediterranea naviga per conoscere il Mediterraneo, il mare e la sua storia. E non solo. Mediterranea naviga anche e soprattutto con l'obiettivo di incontrare la cultura del Mediterraneo, e quindi gli intellettuali, gli artisti, gli scrittori con i quali scambiare idee e punti di vista. Mediterranea naviga alla ricerca del "pensiero del Mediterraneo".

Ecco, in dettaglio, i profili dei protagonisti e le interviste realizzate durante la sosta di Mediterranea a Tbilisi a giugno 2015:

 

 

Add a comment Add a comment

Mediterranea a Tbilisi: il programma culturale

Tbilisi itaMediterranea naviga per conoscere il Mediterraneo, il mare e la sua storia. E non solo. Mediterranea naviga anche e soprattutto con l'obiettivo di incontrare la cultura del Mediterraneo, e quindi gli intellettuali, gli artisti, gli scrittori con i quali scambiare idee e punti di vista. Mediterranea naviga alla ricerca del "pensiero del Mediterraneo".

Programma degli Incontri Culturali a Tbilisi dal 15 al 20 giugno 2015. 

Nel mese di giugno 2015, durante la sosta di Mediterranea in Georgia nel porto di Batumi e lungo la costa georgiana, nella capitale Tbilisi, all'interno del Paese, si svolgerà una serie di appuntamenti individuali con i principali rappresentanti della vita culturale e sociale georgiana. Gli incontri si terranno presso l'Ambasciata Italiana a Tbilisi e negli spazi museali messi a disposizione da alcuni degli ospiti invitati.

QUI il calendario degli Incontri

Ecco, in dettaglio, alcuni di coloro che sono stati invitati, in collaborazione con l'Ufficio Promozione Culturale dell'Ambasciata Italiana a Tbilisi, e che hanno già dato conferma della loro presenza:

 

6370 gDavid Lordkipanidze: Archeologo e antropologo, con le sue scoperte sta rivoluzionando la storia dell’evoluzione del genere “Homo”.  Direttore generale del complesso museale del Museo Nazionale Georgiano (GNM), è autore di oltre 120 pubblicazioni sulle maggiori riviste scientifiche internazionali (da Nature a Scienze magazine a Journal of Human Evolution e altri) ed è membro di diverse associazioni e fondazioni scientifiche in tutto il mondo.

 

 

maxresdefaultDato Turashvili: Scrittore di romanzi e libri di viaggio. E’ l’autore di “Jeans generation” (tradotto in Italia “Volare via dall’URSS”) una storia vera, drammatica e commovente, ambientata nella Georgia degli anni ’80. Attivista politico, è stato leader di movimenti studenteschi e, come ci dice, "in quegli anni, abbiamo combattutto contro il regime sovietico, per la democrazia, la libertà e i diritti umani".

 

imgres-2David Magradze: Poeta e scrittore pluripremiato. Nella rosa dei nominati al premio Nobel per la Letteratura, è considerato il portavoce dell’anima della Georgia. Autore dell’inno nazionale georgiano, è stato anche Ministro della Cultura dal 1992 al 1995. Da diversi anni è ospite d’onore al Festival della Poesia di Genova.

 

 

imgres-1Lasha Bakradze: Filosofo, storico e germanista. Dal 2010 è direttore del Museo della Letteratura “Giorgi Leonidze”. Docente presso l’Università Statale Ilia di Tbilisi, dopo la laurea in letteratura tedesca e linguistica a Tbilisi, ha completato i suoi studi nelle università tedesche di Jena e Potsdam e a Berna in Svizzera.

 

 

SAM 7627Nana Lomia: Liguista e PhD in Filologia. Docente presso il Centro Culturale Italiano dell’Università Statale di Ilia a Tbilisi, si occupa anche di scambi culturali e comunicazione interculturale, in collaborazione con l’Associazione “Georgia-Italia”.

 

 

 

images-1Lasha Bugadze: scrittore di romanzi, è anche un attivo scenografo. Molti suoi testi sono stati utilizzati per realizzare diversi film. E’ uno degli autori presenti nelle trasmissioni della Radio-Televisione pubblica di Georgia.

 

 

hqdefaultTrio Mandili: si chiamano Tatia Mgeladze, Shorena Tsiskarauli e Ani Chincharauli, e compongono un trio canoro nato per caso. Un loro video, in cui cantano una tradizionale canzone georgiana, pubblicato su YouTube lo scorso settembre 2014, è diventato virale in pochi giorni, portando le tre ragazze all’attenzione del mondo. Il canto polifonico georgiano ha origini molto antiche, sembra addirittura dell’VIII secolo a.C. Dal 2011 è patrimonio universale immateriale dell’umanità ed è protetto dall’UNESCO.

 

10443506 10204085468603220 9185386126183008095 nMaka Memanishvili: cooperante umanitario, lavora con l’Associazione umanitaria “Georgia-Italia” come membro del direttivo. Ha seguito il progetto d’accoglienza effettuato per i bambini profughi dall’Abkhazia e Samaciablo, zone di guerra sul territorio georgiano, in collaborazione con le alcune associzioni italiane. E’ direttore dell’amministrazione & HR presso John Snow, Inc. (progetto di USAID).

 

Add a comment Add a comment

Incontri di Istanbul

istanbul-ita.jpg

Mediterranea naviga per conoscere il Mediterraneo, il mare e la sua storia. E non solo. Mediterranea naviga anche e soprattutto con l'obiettivo di incontrare la cultura del Mediterraneo, e quindi gli intellettuali, gli artisti, gli scrittori con i quali scambiare idee e punti di vista. Mediterranea naviga alla ricerca del "pensiero del Mediterraneo".

Ecco, in dettaglio, i profili dei protagonisti e le interviste realizzate durante la sosta di Mediterranea ad Istanbul nei mese di febbraio e marzo 2015:

 

images

Serra Yilmaz, attrice di cinema e teatro, traduttrice. Ben conosciuta in Italia, come una delle icone del regista turco Ferzan Opzetek, veste spesso i panni di protagonisti estrosi ed emarginati. Una presenza scenica difficile da dimenticare. 

Leggi la sintesi dell'intervista

Guarda il video dell'intervista

 

 


Zulfu Livaneli

Omar Zulfu Livaneli, musicista, romanziere, giornalista e regista molto conosciuto. E’ stato esponente politico della sinistra social-democratica e membro del Parlamento turco per una legislatura. Dal 1996 è uno degli Ambasciatori di buona volontà dell’UNESCO. E’ noto soprattutto per la sua musica popolare, in cui fonde la musica tradizionale turca con quella contemporanea. Al suo concerto del 1997 ad Ankara, assistettero circa 500.000 persone. Ha vissuto a Parigi, Atene, Stoccolma e New York.

 

 

 

Buket UzunerBuket Uzuner, scrittrice turca, è autrice di romanzi, racconti e diari di viaggio. Laureata in biologia e scienze ambientali, ha condotto ricerche e presentato studi nelle Università della Turchia, Norvegia, Finlandia e Stati Uniti. Viaggiatrice appassionata, ha pubblicato diversi libri di viaggio. Alcune sue opere sono state tradotte in otto lingue, come “Kumral Ada. Mavi Tuna.”, pubblicato in Italia da Sellerio con il titolo “Ada d’Ambra”. Ha vinto numerosi premi letterari ed è membro onorario di diverse associazioni e fondazioni di letteratura.

Leggi la sintesi dell'intervista

Guarda il video dell'intervista

 

 

 

 

portre 026Bedri Baykam, uno dei più noti artisti turchi. Artista poliedrico e ingegnoso, si dedica a tutte le arti, dalla pittura alla scultura alla scrittura. Fondatore del Turkish Plastic Arts Association, è membro del comitato esecutivo dell'International Art Association. Fondatore della Piramid Sanat, galleria d'arte e società di comunicazione.

 

 

Burhan SonmezBurhan Sonmez, giornalista e scrittore, è nato in Anatolia nel 1965 e si è poi spostato ad Istanbul dove ha studiato legge. Ha scritto su giornali e riviste nazionali, con articoli e rubriche editoriali. Pur essendosi dedicato per qualche tempo alla poesia, che gli è valsa la premiazione in due competizioni letterarie nazionali, ha più tardi deciso di riprendere a scrivere romanzi. Nel 2011 il suo secondo romanzo ha ricevuto il prestigioso Sedat Somavi Literature Prize. Vive tra Cambridge ed Istanbul.

 

 

Nermin MollaogluNermin Mollaoglu, agente letterario e co-fondatrice dell’agenzia Kalem, che rappresenta oltre 80 scrittori turchi, oltre a traduttori e scrittori di lingua straniera. E’ organizzatrice dell’ITEF, Istanbul Tapinar Literature Festival, il primo festival della Letteratura in Turchia. Nel 2009 è stata finalista del YCA Publisher Award.

Leggi la sintesi dell'intervista

                           Guarda il video dell'intervista

 

 

 

Murat BelgeMurat Belge, intellettuale turco, accademico, traduttore, critico letterario, editorialista ed attivista per i diritti civili. Come ama definirsi: “guida turistica, occasionalmente”. Ha tradotto in lingua turca D.H. Lawrence, James Joyce, Charles Dickens e molti altri. E’ membro attivo dell’Helsinky Citizens Assembly.

 

 

Ufuk KocabasUfuk Kocabas, archeologo e storico della navigazione presso l'università di Istanbul. E' direttore degli scavi nell'area del porto di Teodosio dell'antica Costantinopoli e segue la ricostruzione e lo studio della "Yenikapi 12", una delle 37 imbarcazioni ritrovate nel sito.

 

 

 

Nedim Bora HazarNedim Bora Hazar, regista di documentari, produttore e musicista. E' specializzato in Storia delle identità culturali e delle minoranze. Studioso di musica e di arte, ha lavorato come musicista e produttore in radio e televisione in Germania, dove è vissuto per 20 anni fino al 2003. Vive da qualche anno sull'isola di Burgazada, nelle Isole dei Principi, microcosmo culturale multi-etnico.

Leggi la sintesi dell'intervista

                            Guarda il video dell'intervista

 

 

Ayfer UnsalAyfer Tuzcu Unsal, giornalista e scrittrice di libri di cibo e cucina. Ha lavorato per 5 anni alle Nazioni Unite. Ha scritto 3 libri sulla cucina del Mediterraneo. Ama la Turchia e pensa che “qui c’è la storia di tutto il Mediterraneo”.

Leggi la sintesi dell'intervista

                            Guarda il video dell'intervista

 

 

Ferdan YusufiFerdan Yusufi, gallerista e curatrice d'arte. Nel 2006 ha collaborato all'apertura del Centro Culturale di Kadikoy (Istanbul), del quale ha poi curato la galleria. Co-fondatrice dell'associazione culturale "NeoArtGallery" e titolare dello spazio InnPark Arts a Beyoglu (Istanbul), si adopera per la diffusione della cultura artistica turca ed italiana. Nel 2014 ha aperto, con la galleria d'arte Russo di Roma, la Istanbul Russo Art Gallery, emanazione diretta della sede romana.

 

 

Giuseppe ManciniGiuseppe Mancinigiornalista italiano, storico, analista di politica internazionale, vive stabilmente ad Istanbul da anni. Nel suo blog “Istanbul, Europa”, con  articoli, foto, riflessioni, politica, persone (soprattutto quelle che appartengono a una qualche minoranza), racconta la Città e la Turchia, da un punto di vista diverso e fuori dagli standard normalmente turistici.

 

 

Luigi BallarinLuigi Ballarinpittore. Veneziano cosmopolita innamorato dell’Oriente. Con la sua pittura svela ambienti, colori ed atmosfere intense, nel fascino incontrastato del mondo arabo. I temi delle sue composizioni pittoriche racchiudono tutta la vastità della cultura del Medio Oriente. Vive tra Roma e Istanbul, non dimenticando le sue salde origini veneziane.

 

 

Vana StellouVana Stellou, giornalista e conduttrice radiofonica, è nata ad Atene, ma vive ad Istanbul da molti anni. Si occupa di eventi culturali, parlandone sui media di lingua greca e conduce quotidianamente un suo programma “Mes tis Polis ta stena” nell’unica radio di lingua greca di Istanbul: “Iho tis Polis”, dove intervista scrittori, artisti, e uomini e donne direttamente coinvolti nella vita sociale turca.

Add a comment Add a comment

Intesa. Complicità. Ascolto. La comunicazione (e l'amore) nel Terzo Millennio.

IMG 2210

  

 

"L’olio è eversivo, come la mescolanza di razze." Ha esordito così, ieri, all’Istituto Italiano di Cultura di istanbul Buket Uzuner, amatissima scrittrice anche in Italia per il suo splendido “Ada d’ambra” (Sellerio), ma anche attivista ambientalista e autrice di una corposa bibliografia di narrativa e saggistica. “Mi fecero notare che all’interno della Turchia si usava anche il burro, e lo fecero per protestare con la mia passione per il meticciato dovunque fonte di ricchezza, dalla cucina alla società”. Un buon inizio.

Add a comment Add a comment Leggi tutto: Intesa. Complicità. Ascolto. La comunicazione (e l'amore) nel Terzo Millennio.

Comunicato stampa n°19 - Istanbul - Istituto Italiano di Cultura

Poster Round Table

  

 

Dopo la grande accoglienza di Atene, ancora una sorprendente risposta al nostro progetto da parte della comunità culturale turca – ha dichiarato oggi Simone Perotti – Siamo onorati, perché la Turchia è un grande Paese, erede di una secolare cultura e civiltà, per nulla ripiegata sul suo passato e, anzi, profondamente moderna, rivolta ai problemi e alle opportunità del presente e del futuro.

Prosegue dunque la parte europea del nostro lungo viaggio, e cresce il desiderio di ascoltare. Il successo di pubblico riscosso dalle interviste che abbiamo pubblicato fin qui su media e internet ci fa molto piacere e in molti ci chiedono della Turchia.

Anche in questo grande Paese cercheremo di smettere di parlare di Mediterraneo, per provare a parlare con il Mediterraneo, ascoltando il Mediterraneo, vivendo tra mediterranei. Ciò che, nell’essenza, anima la nostra spedizione”.

Add a comment Add a comment Leggi tutto: Comunicato stampa n°19 - Istanbul - Istituto Italiano di Cultura

#iosonomediterraneo #jesuismediterranéen #iammediterranean

DSC 0154

 

 

 (...) Se voi siete l’Europa, se è questa l’anima, l’umanità dell’Europa, allora io non sono europeo, sono mediterraneo.(...)

Noi di Progetto Mediterranea siamo MEDITERRANEI. Lo siamo tutti in questa epoca tragica. Non lasciamoli soli. 

Aderisci a questa campagna, condividi e fai girare. "Io non sono Europeo, io sono mediterraneo"

#iosonomediterraneo #jesuismediterranéen #iammediterranean

Io non sono Europeo, io sono mediterraneo. I'm not European, I am Mediterranean. Je ne suis pas européen, je suis Méditerranée. Yo no soy europeo, estoy Mediterráneo. أنا لست الأوروبية، أنا البحر الأبيض المتوسط. Avrupa değilim, ben Akdeniz duyuyorum. Δεν είμαι ευρωπαϊκό, είμαι της Μεσογείου. Аз не съм европеец, аз съм Средиземно. Nisam Europska sam Mediteranu. אני לא אירופאי, אני הים התיכון. მე არ ვარ ევროპელი, მე ვარ ხმელთაშუა. Jien ma Ewropea, I am Mediterran. Eu não sou europeu, estou Mediterrâneo. Nu sunt european, eu sunt Marea Mediterană. Я не европейский, я Средиземное море. Unë nuk jam evropian, unë jam Mesdheun.

Leggi l'articolo di Simone Perotti su Il Fatto Quotidiano del 13/2/2015

Add a comment Add a comment
  CON IL PATROCINIO ONORARIO DI:
Ministero degli Affari Esteri
Marina Militare
Guardia Costiera
Lega NavaleIstanbul
Città di San Benedetto del Tronto
  MEDIA PARTNERS:
Ansa Med
Ansa Med
 
“Saily"
 

Area riservata agli autori

Top of Page
Joomla extensions by ZooTemplate.com