Questo sito utilizza cookie per rendere migliore l'esperienza di navigazione. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo.

Incontri culturali ad Istanbul: Omer Zulfu Livaneli, scrittore e musicista

DSC 0212 1

 

 

(di Simone Perotti)

Scrittore, musicista, editorialista, regista, politico e… “No, direi scrittore e musicista. Qui tutti ti chiedono di fare di tutto, non so da voi, ma le mie due attività sono queste”. Non sembra per nulla modesto Omer Zulfu Livaneli, ma pienamente consapevole della ricchezza di strumenti di cui dispone, eppure tende a minimizzare. Musiche e film l’hanno portato addirittura a Cannes, e da quando è arrivato sul tavolo sono apparsi tre libri ponderosi, a sua firma.

Add a comment Add a comment Leggi tutto: Incontri culturali ad Istanbul: Omer Zulfu Livaneli, scrittore e musicista

Incontri culturali ad Istanbul: Murat Belge, o dell'internazionale delle idee

DSC 0053-bn 1

 

 

(di Simone Perotti)

“Una storia complessa, la nostra…”. Murat Belge, che incontro all’Istituto Italiano di Cultura, è un’intervista che attendo fin da quando ci ha confermato la sua disponibilità, e infatti non resto deluso. Giornalista, traduttore, attivo da sempre nel dibattito politico, professore di letteratura comparata, Murat Belge è un rappresentante autentico di quella libertà del pensiero che contraddistingue tutte le culture sane.

Add a comment Add a comment Leggi tutto: Incontri culturali ad Istanbul: Murat Belge, o dell'internazionale delle idee

Incontri culturali ad Istanbul: Burhan Sonmez, scrittore e poeta

IMG 4800

 

 

(di Simone Perotti)

“Mi sono trovato di fronte al mare, per la prima volta, solo a 17 anni, ma lo avevo già ‘visto’. Attraverso i racconti e le parole”. Burhan Sonmez, ex avvocato impegnato e martire dei diritti umani, oggi scrittore, un uomo educato, delicato, sobrio, ma che ha dentro una grande energia, e ragiona da poetaCon lui, all’Istituto Italiano di Cultura, iniziamo a dialogare e siamo già nel pieno del nostro ragionamento sul Mediterraneo, tanto che da qui in poi, gradualmente, non senza dirci molte altre cose, ce ne allontaneremo. 

Add a comment Add a comment Leggi tutto: Incontri culturali ad Istanbul: Burhan Sonmez, scrittore e poeta

Incontri culturali ad Istanbul: Buket Uzuner, scrittrice

DSC 0003xsito

 

 

(di Simone Perotti)

“Se siamo mediterranei noi turchi? Ah bella domanda. La nostra identità è difficile da definire!” Buket Uzuner è una bella donna, dai modi raffinati, si vede che è colta, impegnata, che ha viaggiato, che conosce il mondo. Si esprime in un inglese quasi perfetto, sceglie le parole, ma non fa pause. Pesca i pensieri da vicino a sé, compagni di un lungo percorso di riflessioni e di sentimenti. Per me è un piacere incontrarla, visto che ho profondamente amato il suo “Ada d’Ambra”, uno dei migliori romanzi che abbia letto negli ultimi dieci anni.

Add a comment Add a comment Leggi tutto: Incontri culturali ad Istanbul: Buket Uzuner, scrittrice

Incontri culturali ad Istanbul: Ara Güler, fotografo dell'umanità

Ara Guler

 

 

(di Simone Perotti)

Entrare all’AraKafé, nella traversa quasi invisibile di Istiklal Caddesi, mi ha fatto lo stesso effetto che mi fece entrare nella taverna U Kalicha, a Praga, dove Bohumil Hrabal si rintanava a scrivere e dove sui muri si possono ancora leggere le sue frasi e quelle dei suoi ammiratori, oppure entrare al Floridita, nella vecchia Avana, dove Hemingway si rifugiava a bere i suoi proverbiali daiquiri, pontificando e discutendo con amici e avventori. 

Add a comment Add a comment Leggi tutto: Incontri culturali ad Istanbul: Ara Güler, fotografo dell'umanità

Incontri culturali ad Istanbul: Bedri Baykam, o dell'arte e del Mediterraneo

DSC 0162

 

 

(di Simone Perotti)

La galleria di Bedri Baykam, si vede subito, non è solo una galleria. C’è movimento, materiali appoggiati, accatastati. Gente che lo attende per un’intervista (“Una televisione sportiva. Mi chiedono del Fenerbache, la mia squadra. Sono un grande tifoso”). E quando poco dopo lo intervistiamo, al secondo piano del piccolo palazzetto, in una stanza col biliardo, un mucchio di quadri dovunque, oggetti, pezzi d’arte e giochi di ogni genere affastellati su ogni superficie e un gatto splendido, pelo lungo, occhi verdi, che si aggira come fosse il re incontrastato di quel luogo, capiamo anche molto bene il perché.

Add a comment Add a comment Leggi tutto: Incontri culturali ad Istanbul: Bedri Baykam, o dell'arte e del Mediterraneo
  CON IL PATROCINIO ONORARIO DI:
Ministero degli Affari Esteri
Marina Militare
Guardia Costiera
Lega NavaleIstanbul
Città di San Benedetto del Tronto
  MEDIA PARTNERS:
Ansa Med
Ansa Med
 
“Saily"
 

Area riservata agli autori

Top of Page
Joomla extensions by ZooTemplate.com