Ile de Jarre e la storia del Grand Saint-Antoine | Diario di viaggio | Seguici

Questo sito utilizza cookie per rendere migliore l'esperienza di navigazione. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo.

Ile de Jarre e la storia del Grand Saint-Antoine

37346135 10217048295302735 2984732619788255232 o

 

 

(di Francesca Piro)

Eccoci a un passo da Marsiglia. E' proprio qui, dietro l'angolo. Ma noi questa notte ci fermiamo davanti ai calanchi marsigliesi, al largo dell'Ile de Jarre.

Quest'isola ha una storia. Qui fu ormeggiato per la quarantena il Grand Saint-Antoine, un veliero commerciale del Settecento. Nel 1720, la nave di ritorno dalla Siria con il suo carico di tessuti, fa sosta a Livorno per sbarcare sette marinai e un medico deceduti per la peste contratta a Tripoli, oltre a un marinaio turco, anch'egli ammalato. La nave riparte rapidamente perché il comandante ha fretta di arrivare a Marsiglia per consegnare il carico da presentare alla fiera commerciale. Parte con "licenza chiara" rilasciata dal porto di Livorno.

Arrivati nei pressi di Marsiglia, con l'equipaggio già con i primi segni della malattia, al comandante non resta che avvisare della situazione i proprietari della compagnia di navigazione, i quali si attivano per evitare la quarantena che avrebbe obbligatoriamente bloccato la nave fuori dal porto. Il fatto che la nave avesse "licenza chiara" rilasciata da Livorno, consentì il libero accesso in porto. Così il Grand Saint-Antoine raggiunge Marsiglia il 25 maggio 1720, sbarca l'equipaggio malato e il carico i e poi, alla fine del mese di giugno, si sposta qui, a Ile de Jarre, per la quarantena. Ma è ormai passato troppo tempo e la peste aveva avuto il tempo di diffondersi a Marsiglia e in tutta la Provenza. Furono 3 anni terribili. L'ultimo focolaio fu registrato nel gennaio del 1723.
La nave fu bruciata soltanto alla fine di luglio del 1720 e i resti recuperati nel 1978 da un'associazione subacquea sono ora esposti nel Museo dell'Ospedale a Ile de Ratonneau, mentre l'àncora si trova al Museo di Storia di Marsiglia
Da allora non fu più permesso ad alcuna nave di attraccare a Marsiglia senza un certificato di "licenza chiara" rilasciato direttamente dal console francese di "L'Echelle" e fu avviata la prima vera riforma sanitaria dell'era moderna.

Bibliografia

https://www.histoire-pour-tous.fr/histoire-de-france/3688-la-grande-peste-de-1720-marseille.html

http://www.tourisme-marseille.com/fiche/epave-du-grand-saint-antoine-ile-de-jarre-peste-de-marseille/

http://www.archeologiasubacquea.org/2012/09/riemerge-lancora-della-nave-che-porto.html

 

  CON IL PATROCINIO ONORARIO DI:
Ministero degli Affari Esteri
ItaliaCultureMediterraneo1
Marina Militare
Guardia Costiera
Lega NavaleIstanbul
Città di San Benedetto del Tronto
  MEDIA PARTNERS:
Ansa Med
Ansa Med
 
“Saily"
 

Area riservata agli autori

Top of Page
Joomla extensions by ZooTemplate.com